The Omniaficta Theatre On The Net

Posts Tagged ‘politica

Yanis Varoufakis

leave a comment »

Yanis Varoufakis | thoughts for the post-2008 world.

L’uomo del giorno. E le idee di una nuova alba.

Annunci

Written by omniaficta

2 febbraio 2015 at 21:39

Pubblicato su politica

Tagged with , , ,

Ultima chiama

leave a comment »

Foto11

Written by omniaficta

20 aprile 2013 at 18:28

Morozov e la “retorica web” del M5S

leave a comment »

Morozov e la “retorica web” del M5S “Sono scatole oscure, non democrazia” – Repubblica.it.

“… le inefficienze della politica, per usare un linguaggio da computer, non sono un bug (un difetto) ma una feature (una funzione)”

Written by omniaficta

5 marzo 2013 at 23:14

Pubblicato su politica

Tagged with , , , ,

L’arte dell’impossibile

leave a comment »

Non è facile scrivere di politica in questo momento di svolta. Da 1994 ad oggi abbiamo avuto una relativa stabilità di protagonisti e di programmi che si è tradotta anche in immobilismo e degenerazione valoriale. Abbiamo dovuto aspettare una recessione economica per vedere la reazione elettorale alla chiusura impotente delle forze politiche “tradizionali”. L’elettorato non è però del tutto colpevole per questi due decenni di sterile conflitto politico. Ci ha provato a dare una maggioranza ora a l’uno ora all’altro “polo” del pianeta della politica. Ma non è servito a muovere il Paese verso cambiamenti di un qualche significato. Nessuna riforma veramente vantaggiosa per l’interesse generale è stata realizzata in 20 anni. L’industria è stata abbandonata al suo destino. Le risorse culturali e ambientali non hanno ricevuto nessuna protezione e valorizzazione. La scuola e la sanità pubbliche sono state ridimensionate, burocratizzate e “privatizzate”, con un depauperamento inesorabile delle capacità di promuovere la qualità della vita di ogni cittadino. La giustizia ha continuato ad essere lenta, farraginosa e inefficace. Le infrastrutture non hanno avuto uno sviluppo fondato su progettualità e coerenza strategica, restando spesso in condizioni di carente manutenzione. Il “federalismo” è stato declinato in un decentramento sempre più iniquo, opaco e costoso. Il “sistema radiotelevisivo” continua ad essere il meno pluralista del mondo occidentale, congelato nella sua realtà oligopolistica ereditata dalla prima Repubblica. I lavoratori sono stati privati delle conquiste ottenute in decenni di lotte. Il ceto politico, nel frattempo, non ha rinunciato ad attribuirsi crescenti risorse, dirette e indirette. E si potrebbe continuare a lungo il dolente elenco delle occasioni mancate. Abbiamo avuto una destra non-liberale e una sinistra non-progressista. Bisogna riconoscerlo: l’elettore italiano ha avuto una mostruosa pazienza e forse anche un po’ di eccessiva caparbietà. Ma quanto poteva durare?

La svolta è ora davanti ai nostri occhi. E non è per niente facile scriverne. Tutto deve essere ripensato. La smania di commentare è comprensibile ma produce un brusio nebbioso che nasconde invece di rivelare. Non so se ci avete fatto caso, ma queste elezioni sono le prime in cui nessuno si comporta da vincitore. Però tutti dettano condizioni e mostrano i muscoli. Questa strana congiuntura non merita forse una riflessione che non si precipiti alle conclusioni? Almeno per me è così. Non so immaginare cosa succederà. Non ho “consigli” per nessuno. So cosa non mi piacerebbe, ma ad essere onesto non c’è molto che mi piaccia nello scenario che si prepara. E mi domando se l’elettore non debba prepararsi ad avere ancora tanta pazienza. O se non sia il caso di sperare che sia giunta al limite.

1

Written by omniaficta

2 marzo 2013 at 16:54

E io pago!

leave a comment »

Cdm alle 16, manovra da 24 mld. Monti: Sacrifici o falliamo – Economia – ANSA.it.

Va bene, se dobbiamo pagarla tutti questa manovra, pagheremo. Posso però fare osservare che alla fine la fetta più grossa verrà dai dipendenti e dai pensionati (e pensionandi)? E gli evasori? E i proprietari di patrimoni (terre, ville, palazzi, azioni)? E la Chiesa? Prelevare dal mio stipendio (da tutti gli stipendi) è facile, non occorre intelligenza o coraggio, in particolare per chi non verrà a chiedermi di votarlo alle prossime elezioni. Ma possibile che l’Accademia che ci governa non sia in grado di andare a prendere i soldi dove sono veramente? Non ha la necessaria intelligenza? Non ne ha il coraggio? O piuttosto non vuole? Comunque sia, tutte queste domande retoriche hanno più che mai un senso. Domani sapremo. E prenderemo partito.

Written by omniaficta

4 dicembre 2011 at 17:10

E vissero tutti felici e contenti?

leave a comment »

Personalmente non vedevo l’ora.

Written by omniaficta

12 novembre 2011 at 17:19

Pubblicato su contraddetti

Tagged with , , ,

“Tu guardala con la mente”

leave a comment »

“Tu guardala con la mente, e non lasciarti sbigottire dagli occhi” « La Botte di Diogene – blog filosofico.

Questo post è un notevole punto di partenza per cercare di riflettere sui disastri naturali. Innanzitutto consideriamo che si possono avere ottimi sistemi di protezione civile (monitoraggio, allarme, indicazioni comportamentali, evacuazioni eccetera), ma non si possono prevenire e, il più delle volte, nemmeno prevedere eventi come uragani, terremoti, frane o precipitazioni intense. Questo significa che è perlomeno ingeneroso accusare gli amministratori locali di tutto quel che succede di naturale sul territorio. Tuttavia, se vogliamo abitare questo pianeta con l’intelligenza che tendiamo a riconoscerci, dovremmo almeno governare meglio (per quanto possibile economicamente e tecnicamente) i fenomeni naturali che possono danneggiarci. Cominciando per tempo, prima di trovarsi a gestire emergenze. E guardando alla natura e alle sue dinamiche con il rispetto che meritano, senza pensare sempre in modo parziale o peggio onnipotente.

Written by omniaficta

5 novembre 2011 at 19:03